Si faccia l’analisi del voto territorio per territorio, seggio per seggio. Si prendano mille (o quanti ne servono) ragazzi e ragazze e li si spediscano a fare il partito. Ad organizzare una campagna elettorale permanente. A riprendere le scuole, le università, i luoghi di lavoro, le categorie. Lo si faccia senza guardare da dove vengono e chi sono. Si apra un assesment delle risorse umane di partito. In busta chiusa. Tu vai a Latina. Tu a Palermo. Tu in Val di Susa. Il problema non è Bersani e non è fondare Fondazioni o associazioni. Siamo tutti responsabili. Ognuno adesso, nel PD, guardi al proprio territorio, guardi in basso, non in alto. E prenda in mano la situazione che è già tardi.